Utilizzi il latte di scarto per alimentare i vitelli ?

Una sete bestiale… anche d’inverno
29 gennaio 2018
 

Utilizzi il latte di scarto per alimentare i vitelli???

... Ecco una interessante veloce traduzione da Dairy Herd Management:



 
L'alimentazione con latte “di scarto” è una pratica comune in molti allevamenti degli Stati Uniti. USDA stima che più della metà degli allevamenti da latte alimentano i vitelli con il latte intero, rappresentando più del 70% delle giovenche negli Stati Uniti.

Il latte “di scarto” potrebbe contenere antibiotici da vacche trattate che non hanno ancora passato il periodo di sospensione. Jim Quigley, responsabile tecnico e ricerca per Provimi North America, Brookville, Ohio, afferma che la resistenza agli antibiotici sviluppata a causa dall'alimentazione con latte di scarto è spesso una realtà. " Poiché la conoscenza e la consapevolezza della resistenza agli antibiotici sono cresciute, ci sono anche domande sulle pratiche che potrebbero contribuire alla produzione animale e alimentare", dice Quigley.

In un numero di Calf Notes, Quigley ha riassunto uno studio pubblicato sul Journal of Dairy Science. I ricercatori dell'Università di Barcellona hanno valutato i vitelli svezzati in otto fattorie: quattro con latte “di scarto” e quattro con sostituti del latte.

Tamponi di feci e nasali sono stati raccolti a circa 42 giorni di età da 20 vitelli per azienda. Sono stati analizzati i campioni per la presenza di batteri antibiotici resistenti. Tra i risultati:

I vitelli che ricevono il latte di scarto hanno una maggiore presenza di E. Coli fecale resistenti all'enrofloxacina, al florfenicol, alla streptomicina, alla doxiciclina e all'eritromicina. Il latte “di scarto” ha anche aumentato la percentuale fecale di E. coli resistente a multidrug.

La resistenza a uno specifico antibiotico non è necessariamente correlata all'utilizzo di quel antibiotico sulla stessa fattoria. Gli autori suggeriscono che "l'uso di un particolare antimicrobico potrebbe influire per la resistenza ad altri antimicrobici all'interno di una popolazione batterica". Un'altra teoria è che gli organismi resistenti potrebbero essere stati trasmessi attraverso il contatto con animali provenienti da un'altra fattoria o da vitelli che consumano mangimi o acqua contaminati.

Non esiste una resistenza significativa ad una famiglia di antibiotici che viene utilizzata frequentemente nella maggior parte delle aziende lattiere: i beta-lattamici, tra cui l'amoxicillina e il ceftiofur. Questa mancanza di resistenza era indipendente dal fatto che i vitelli venissero alimentati o meno con latte "di scarto".

I tamponi nasali sono stati valutati per la presenza di Pasteurella multocida resistente. Solo il 36,5% dei campioni conteneva P. multocida e la resistenza tra questi campioni era minima. Soltanto la resistenza alla colistina è stata riscontrata nei vitelli alimentati con latte "di scarto", anche se solo una coltura usava colistina per il trattamento di vitelli malati.

"Sono stati riportati diversi tipi di mutazioni batteriche e trasmissione orizzontale (batteri da batteri) di geni di resistenza e sono stati ipotizzati come motivo della resistenza colistina in P. multocida in questo studio", dice Quigley.